Altraidea-Cuneo.it periodico on line di informazione e di cultura

Il delfino rosa dell'Amazzonia

di Anna e Maria Sciacca

 Il delfino rosa d’acqua fresca del Rio delle Amazzoni, Inia geoffrensis, famoso anche come boto, bufeo, o delfino cor de rosa,  è tra le più grandi specie di delfini di fiume distribuiti  negli ambienti del Sud America: Brasile, Perù, Bolivia, Colombia, Ecuador. Il nome del genere “Inia” deriva dalla parola Indio Guarayo che significa “delfino”.

Il delfino di fiume dell’Amazzonia è un’antica specie che viveva nelle acque della foresta amazzonica quando tutta questa regione era sommersa dall’acqua bassa e salmastra, facendo parte di un grande sistema oceanico prima che le Ande si formarono.

Originariamente il delfino del Rio delle Amazzoni apparteneva alla superfamiglia Platanistoidea che costituiva  i delfini di fiume poi  il delfino amazzonico è stato riclassificato nella superfamiglia Inioidea. Probabilmente questi delfini sono arrivati nei fiumi dell’Amazzonia nel periodo del Miocene da 23 a 7 milioni di anni fa dall’Oceano Pacifico  o dall’Oceano Atlantico.

Nel Miocene l’Amazzonia era coperta parzialmente dall’acqua del mare. I cetacei abitavano in questa area. Quando il mare si sarebbe ritirato dal territorio amazzonico, una specie di delfini che si era evoluta da arcaici cetacei marini, si sarebbe adattata a vivere nei fiumi, questa specie diventò il delfino rosa dell’Amazzonia.  I delfini boto abitano i principali affluenti del Rio delle Amazzoni, fiumi, laghi, corsi d’acqua, foreste allagate, con  una specie di delfino più piccola, il tucuxi (Sotalia  fluviatilis) su una superficie di circa 7,000,000 di chilometri quadrati, dove i confini sono collocati da delle cascate.

Tra i delfini di fiume ci sono il delfino franciscana, l’Inia geoffrensis o il delfino rosa del Rio delle Amazzoni, Inia geoffrensis geoffrensis, Inia geoffrensis humboldtiana, Inia geoffrensis boliviensis e una nuova specie il Boto di Araguaia, o Inia araguaiaensis un delfino del fiume Araguaia. Le barriere sul fiume Madeira rappresentano una serie di rapide che delimitano la distribuzione della Inia geoffrensis e della Inia boliviensis. Queste specie di delfini vivono nelle acque fresche dei fiumi mentre il delfino franciscana abita nelle rive costiere in acque salate.

I maschi adulti misurano circa 3 metri in lunghezza, le femmine possono misurare da 1,80 metri a un massimo di 2,40 metri in lunghezza, e pesano circa 180 Kg. Questi delfini dall’aspetto primitivo hanno guance paffute, un lungo rostro con setole utilizzate come sensori, adatto per afferrare il pesce tra i rami aggrovigliati o per cercare intorno i crostacei nei fondali melmosi dei fiumi, la loro flessibilità li permette di muoversi da ogni lato quando navigano tra la vegetazione amazzonica nelle foreste allagate. Questi delfini hanno un basso rilievo sulla schiena come pinna dorsale, grandi code e pinne per nuotare in acque poco profonde.

La caratteristica della flessibilità del loro collo li consente di guardare da ogni lato e in basso nei fondali dei fiumi. I delfini rosa  sono provvisti di un’ ottima vista e udito, e sono dotati di un sonar che è usato per ecolocalizzare cibo e oggetti. Quando navigano nella fangosa e densa vegetazione dei fiumi, i delfini emettono una serie di scatti e  fischi, inviano dei suoni che quando toccano un oggetto, ritornano indietro permettendoli cosi’ di identificare il posto, la forma e la taglia di tale oggetto.

I delfini  di fiume arrivano in superfice per respirare ogni 30 secondi,  le loro  boccate d’aria sono molto rumorose.  I delfini di fiume dell’Amazzonia sono conosciuti come i delfini rosa, variano di colore in base alla loro età.

I giovani hanno una tinta grigio scura che nell’adolescenza si trasforma in grigio chiaro,  maturando diventano rosa. Il colore degli adulti varia tra il rosa uniforme e variegato, si pensa che la differenza di colore dipenda anche dalla temperatura, dalla trasparenza dell’acqua e dalla zona geografica.

 

Freshwater pink dolphin of Amazon  river, Inia geoffrensis, also known as boto, bufeo or boutu vermelho, or boto cor de rosa is  the largest species of river dolphins distributed in habitats of South America: Brazil, Perù, Bolivia, Colombia, Ecuador. The genus name “Inia” is the Guarayo Indian word for “dolphin”. The Amazon river dolphin is an ancient species who lived in the waters of Amazon forest when sea levels were higher and all this region was submerged by shallow brackish water, being part of a great oceanic system before the Andes were shaped.  Originally  the Amazon river dolphin belonged to the superfamily Platanistoidea which constituted all river dolphins, then  Amazon river dolphin has been reclassified into the superfamily Inioidea.

These dolphins probably arrived in the Amazon region during the Miocene epoch 23 to 7 millions of years ago, from the Pacific Ocean or from the Atlantic Ocean.   During the period of Miocene, Amazon was partially covered by water. Cetaceans were living in this area. When this inland sea retreated, a species of dolphins who evolved from archaic marine cetaceans,  would adapted to live in rivers, this species became the Amazon pink dolphin.  Boto dolphins inhabit principal tributaries of the Amazon River as well as small rivers, lakes, streams, flooded forests with the tucuxi (Sotalia fluviatilis) a smaller dolphin species, in an area of about 7,000,000 square kilometres, where the boundaries are set by waterfalls.

Among river dolphins, there are the Franciscana dolphin, Inia geoffrensis or pink Amazon river dolphin, Inia geoffrensis geoffrensis, Inia geoffrensis humboldtiana, Inia geoffrenis boliviensis and a new species  the Boto do Araguaia or Inia araguaiaensis, a river dolphin from the Araguaia river. Bars on the Madeira river represent a series of rapids that delimit the distribution of Inia geoffrensis and Inia boliviensis. These dolphins live in fresh water rivers, while the franciscana dolphin lives in or near the coastal shores in saltwater.

Adult males measure about 3 m. in length, females average 1,8 m. to a length of 2,4 m.  they weigh  about 180 Kg.  These primitive looking dolphins have chubby cheeks, long beaks with stiff hairs utilized as sensors, suited to snatching fish from a tangle of branches or to rooting around in muddy river bottoms for crustaceans,  their flexibility allows them to move from side to side when they  navigate  in the Amazonian vegetation  of  flooded  forests.  These dolphins have a low ridge along their back rather than a dorsal fin, broad flukes and flippers for swimming in shallow waters.

The characteristic of their flexible neck enables the Amazon river dolphins to look to the side and down the bottom of the rivers. These dolphins have keen eyesight and hearing,  equipped with a sonar which is used for echolocating food and objects. When they navigate in the murky and dense vegetation of rivers, dolphins emit a series of clicks and whistles, they send out sounds, that when they hit an object, are bounced back allowing them to identify the location, shape and size of such object.  

Pink river dolphins surface for air every 30 seconds, their blows are very noisy.

Amazon river dolphins are known as the “pink dolphins”, they  range in color depending on their age.  

Juveniles  have a  gray  tint,  which in adolescence transforms into light grey, as they mature, they turn pink. The colour of adults varies between solid and mottled pink. It is believed that the difference in color also depends on the temperature, water clarity,  geographical location.

In the Amazonian region, the water of rivers can have different colors. In the meeting of waters/encontro dos aguas, we can see the confluence between the dark water of Rio Negro and the sandy white water of Amazon river. Some rivers appear to be ochre and derive their colour from the big quantity of clay, for example the Amazon river. Other rivers, derive their colour from the huge concentration of organic materials contained in the water,  these rivers are very acid, for example the Rio Negro. In this “tea” colour river, silt and vegetation make the boto dolphins  seem to glow orange, underwater while they are grey and pink.       

The darker the water, the pinker the dolphin will be,  the colour pink changes also  depends  on Amazon river dolphin’s  emotions like surprise and happiness, when they get excited they can flush bright pink.

Their skin can turn various shades of  white, yellow, brown, blue gray, pink, orange colour.

Amazon pink dolphins produce a variety of sounds to communicate, they are active and feeding in the morning and in the evening.  Their food is a large variety of fishes, crustaceans, crabs, turtles. Boto dolphins associate sometimes with the tucuxi and giant otters to hunt  in a coordinated way and share the food.   

They usually avoid the hot during the day so it’s easier to meet them early in the morning and at evening.   They often swim under the waterfalls or at the mouths of the rivers where it is easier to catch the fish that pass through the currents.

During the dry season pink dolphins are found in main rivers while during the rainy season, when the water level leads to the inundation of large areas of forest, pink Amazon river dolphins move out of the main river into  channels and small lakes and then into the flooded forest. During the mating season they can find each other through vibrations and through the use of their vocal communications.  Males display court towards females, turning and nibbling them, playing and touching each other in the water.   They also carry objects like branches, floating vegetation in their mouths to the females to propose or mating.  Births are during the period of rivers rich in water, between (May-September) during the flood season when rivers reach their peak levels and water start receding. The little dolphin measures around 80 cm. long and is all grey.  Pink amazon dolphins  are friendly and playful creatures. In their natural environment, they have been reported to hold the oars of the fishermen, rub against the boat, pluck underwater plants and play with sticks, logs, clay, sometimes retrieving thrown objects, or surfacing for a friendly stroke. Their games include “breaching”, “tail slapping”, “spyhopping” They are curious by nature and frequently interact with people. They can be approached from a boat or when swimming with them, the Amazon river dolphins may nip divers, towing or embracing, they may become quite tame.

They are slow swimmers although when feeding they can show bursts of speed. The botos are seldom seen leaping above the water surface, they are often seen swimming upside down, doing spins, they are often seen swimming on their backs, they occasionally jump out of the water, sometimes as high as a meter,  they can paddle forward with one flipper and backward with the other allowing them to manoeuvre more easily among the trees in the flooded forest. Since 1980 the rate of deforestation and exploitation  of the Amazon Rainforest for mining, logging, cattle ranching and water pollution by the petroleum industry and lots of boats on the river have threatened  the habitat of Amazon pink dolphin. It’s necessary to protect them in their habitat by cleaning up the water.

 

Many dolphins are found in captivity at zoos and aquariums across America, Europe and Asia even if  keeping  dolphins  in captivity is controversial.

It’s important to consider the health, safety an emotional well-being of the animals.

In traditional Amazon river folklore,  a  boto dolphin is referred to as encantado, and their magical golden underwater city is called Encante. A legend  tells  at night, an Amazon river dolphin goes out of the water, the dolphin becomes a handsome man who seduces girls, and then returns to the river in the morning to become a dolphin again.  Some stories of people being pushed to the shores by them are common among some tribes in the Amazon.

Pink dolphins are harder to train than most other species of dolphins. Anyway when they are trained can jump through hoops, catch balls, and some walk backwards on their tail fins, but surely it’s more wonderful to admire these dolphins when they swim in their splendid pink orange colors among the reflections of the sun on the water of Amazon rivers

Nella regione amazzonica, l’acqua dei fiumi può avere diversi colori. Nell’incontro delle acque/encontro dos aguas, si può vedere la confluenza  fra l’acqua scura del Rio Negro e la sabbiosa acqua chiara del Rio delle Amazzoni. Alcuni fiumi sembrano avere una tinta ocra e derivano il loro colore dalla grande quantità di argilla, per esempio il Rio delle Amazzoni. Altri fiumi derivano la loro colorazione dalla grande quantità di materiali organici contenuti nell’acqua, questi fiumi sono molto acidi, per esempio il Rio Negro. In questo fiume del colore del te’, i delfini boto sembrano brillare di un colore arancione sott’acqua mentre sono di colore grigio e rosa.  Più scura è l’acqua e più rosa sarà il delfino, le variazioni dl colore rosa sembra che dipendano anche dalle emozioni come sorpresa e felicità,  quando i delfini sono eccitati diventano di un rosa brillante.

La loro pelle può variare in sfumature  bianche, gialle,  marrone, blu grigio, rosa, arancione.

I delfini rosa dell’Amazzonia  producono una varietà di suoni per comunicare, sono attivi e si nutrono di mattina e di sera.  Il loro cibo è una grande varietà di pesci, crostacei, granchi, tartarughe. Qualche volta i delfini boto si associano con il delfino tucuxi e la lontra gigante per cacciare in modo coordinato e condividere il cibo.   Di solito evitano il calore della giornata per cui è più facile incontrarli al mattino presto e verso sera.

Spesso nuotano sotto le cascate o alle aperture dei fiumi dove è facile afferrare il pesce che passa nella corrente.

Durante la stagione secca i delfini rosa si trovano nei fiumi principali mentre nella stagione delle piogge  quando il livello dell’acqua porta  all’inondazione grandi zone della foresta,  dal fiume principale il delfino rosa di fiume dell’Amazzonia si sposta  nei canali e nei piccoli laghi e poi dentro la foresta allagata. Durante la stagione degli accoppiamenti i delfini di fiume riescono a trovarsi attraverso vibrazioni e con l’uso delle loro comunicazioni vocali.  I maschi corteggiano le femmine girando attorno e mordicchiandole, giocando e toccandosi tra loro in acqua.  I maschi adulti portano anche oggetti come rami e vegetazione fluttuante nei loro becchi per proporsi alle femmine ed accoppiarsi.  Le nascite avvengono nel periodo in cui i fiumi sono ricchi di acqua (Maggio-Settembre) durante la stagione delle inondazioni, quando i fiumi raggiungono i massimi livelli e l’acqua inizia a ritirarsi.  Il piccolo delfino misura circa 80 cm ed è tutto grigio.

I delfini rosa dell’Amazzonia sono creature giocose e amichevoli. Nel loro ambiente naturale sono stati visti tenere i remi dei pescatori, strofinarsi contro la barca, tirare piante acquatiche e giocare con bastoncini, tronchi d’albero e argilla, riportare oggetti gettati in acqua o venire in superficie per un’amichevole bracciata. I loro giochi includono balzi, alzare e battere la coda, ed  emergere  dall’acqua.

Sono curiosi per natura e spesso interagiscono con le persone. Possono essere avvistati da una barca o nuotando con loro, i delfini di fiume dell’Amazzonia possono mordicchiare i nuotatori, rimorchiare o abbracciare, possono essere bene addomesticati.

Sono lenti nuotatori, ma quando cercano il cibo possono manifestare impeti di velocità. I boto sono visti raramente saltare sulla superficie dell’acqua, sono spesso visti nuotare su e giù, fare rotazioni, spesso sono stati visti nuotare sulle loro schiene, occasionalmente saltano fuori dall’acqua ad una altezza di un metro durante il nuoto, possono proseguire con una pinna e andare all’indietro con l’altra, manovrando più facilmente tra gli alberi nella foresta allagata.  Dal 1980 il tasso di deforestazione e sfruttamento della foresta amazzonica con le miniere, trasporto di tronchi d’alberi, allevamenti  di bestiame, l’inquinamento delle acque da parte dell’industria del petrolio e le tante imbarcazioni che attraversano il fiume hanno minacciato l’ambiente del delfino amazzonico. E’ quindi importante proteggerli nel  loro ambiente tenendo pulita l’acqua.

Molti delfini si trovano negli zoo e acquari attraverso l’America, l’Europa e l’Asia anche se tenere i delfini in cattività  è discutibile. E’ importante considerare la salute, la sicurezza e il benessere emozionale degli animali.

Nel tradizionale folclore dell’Amazzonia, il delfino boto è riferito ad una incantevole creatura, e la loro magica e dorata città sott’acqua è chiamata Encante. Una leggenda  racconta che di notte il delfino di fiume dell’Amazzonia esce dall’acqua e diventa un uomo bello che seduce le ragazze e poi ritorna al fiume di mattina e si trasforma di nuovo in un delfino. Storie di persone che sono state guidate a riva dai delfini sono abbastanza comuni tra le tribù indigene dell’Amazzonia.

Il delfino rosa è più difficile da addestrare rispetto alle altre specie di delfini, comunque quando sono addestrati possono saltare attraverso dei cerchi, afferrare palloni, e alcuni possono camminare all’indietro sulle loro pinne ma certamente è molto più bello ammirare questi delfini nei loro splendidi colori rosa arancio quando navigano tra i riflessi del sole sull’acqua dei fiumi dell’Amazzonia.   

Partly Cloudy

11°C

Cuneo

Partly Cloudy

Humidity: 83%

Wind: 8.05 km/h

  • 21 Oct 2018

    Showers 19°C 8°C

  • 22 Oct 2018

    Showers 14°C 8°C

Mostly Sunny

17°C

Nizza

Mostly Sunny

Humidity: 56%

Wind: 9.66 km/h

  • 21 Oct 2018

    Sunny 21°C 16°C

  • 22 Oct 2018

    Scattered Showers 19°C 13°C